orcocattivo@mondomalato.it
martedì, 31 Marzo, 2020
La Narrazione Vaccinale

C’è un pedofilo contagioso che si aggira nei nostri nidi…o i nostri infanti sono molto precoci?

Prima di leggere , se non li hai ancora letti , ti consiglio di leggere questi due post introduttivi :

Il motivo di questa sezione
e
Non leggere questa sezione se….

Uno dei più grandi misteri della narrazione vaccinale (e pari mistero è :come i medici credono a simili stronzate?? hanno studiato per corrispondenza?) è il piano vaccinale contro l’epatite B che , come dimostreremo, non ha alcun senso , ne logico, ne epidemiologico ne scientifico.

Innanzitutto bisogna iniziare dal definire (per chi non lo sapesse) che l’epatite B è un’infezione del fegato provocato da un virus che colpisce il fegato e nei bambini spesso porta a complicanze croniche.
Sembrerebbe ovvio pertanto che vaccinare i piccoli pargoli contro questo temibile virus, specialmente in giovane età abbia un senso logico.
C’è un però grande come il culo di Kim Kardashian … l’epatite B si trasmette solo ed esclusivamente tramite contatto sanguigno,pertanto trasfusioni, ferite aperte e sanguinanti di due persone che entrano in contatto (incidente d’auto, guerra o simili) o rapporti sessuali.

Quindi per valutare l’utilità del vaccino è necessario vedere quale è il rischio che i nostri poveri infanti entrino in contatto con tale malattia, adesso andiamo a elencare le possibili cause.

La fonte primaria di infezioni di epatite B pediatrica è la trasmissione verticale (Da madre infetta a figlio), quindi si potrebbe pensare che un eventuale bambino infetto dalla madre, giocando con gli altri bambini possa in qualche modo ricadere nelle tipologie di trasmissione sopra indicate, vediamo.

1) trasfusione di sangue, lo stesso in primis è testato contro l’epatite B  e quindi è molto improbabile che ci sia questo rischio, secondariamente.. conoscete bambini di 2-6- 12 mesi che necessitano di trasfusioni? se si..(io no) fidatevi, la remotamente possibile epatite da trasfusione è l’ultimissimo dei suoi problemi…

2) ferite aperte… hmm. conoscete bambini che si trastullano col machete? .. io no.. magari offritemi qualche spiegazione plausibile (si riporta un caso di una trasmissione di epatite tramite morso molto profondo… diciamo che fino all’anno di vita non hanno neanche i denti.. poi non so che bambini conosciate voi… ma di solito.. non azzannano come un bulldog)

3) rapporti sessuali.. capisco che le nuove generazioni sono precoci.. però.. a 2-6 mesi.. 2 anni.. la vedo dura..

4) utilizzo di strumenti come spazzolino o altro che entrino in contatto con ferite aperte. (vedrete sotto perché non può succedere)

Nonostante queste remotissime possibilità…. la possibilità che i bambini siano infetti alla nascita da epatite B è zero.. e adesso vediamo perché :

Supponiamo che in un certo periodo di tempo di una città , che so 100 mamme, partoriscano 100 figli, una di queste mamme ha l’epatite B.
Quello che non tutti sanno è che le gravide vengono sottoposti al test dell’epatite B, e nel caso siano positive , il figlio viene vaccinato contro l’epatite B il primo giorno di vita impedendo allo stesso di contrarre la malattia.

ci troveremo nella situazione come da foto :

ossia avremo una corte di 100% bambini sani esenti da Epatite B, gli stessi poi andranno al nido, all’asilo , a scuola fino ad arrivare all’età 12-13 anni in cui potenzialmente potrebbero avere i primi rapporti sessuali e potrebbero essere esposti al virus.

Quindi l’unica possibilità che i vostri pargoletti contraggano l’epatite B durante l’infanzia è che qualche pedofilo con l’epatite B abusi dei vostri pargoli, neanche il sesso infantile non porterebbe danni (sto scherzando ovviamente) in quanto la corte è perfettamente SANA!
Si esclude, quindi, anche la possibilità di contagio tramite spazzolini da denti o strumenti simili.

Inoltre, si potrebbe dire che tale vaccinazione, proteggerà in futuro il pargolo dal contatto col virus, in tal caso non sarebbe meglio spostare tale vaccinazione (se poi servisse a qualcosa e non vi aiutasse a prendere la sclerosi multipla, ma di questo ci occuperemo in altro post) in età pre-puberale evitando i rischi della vaccinazione (vedi sotto) in un corpo con un sistema immunitario in formazione e estremamente delicato come quello degli infanti?

Pertanto è dimostrato che la possibilità che un infante entri in contatto con l’epatite B è nulla, essendo tale possibilità nulla mi spighino i grandi scienziati vaccinali.. quale è lo scopo di tale vaccinazione? quale è il senso epidemiologico di tale procedura?
Perchè mettere a rischio la salute di tanti bambini (vedi sotto le possibili reazioni avverse) per una malattia che MAI potranno contrarre in tale età della loro vita??


Rischi della vaccinazione anti epatite B :
Link a : SCHEDA TECNICA VACCINO ENGERIX B 20  (AGENZIA DEL FARMACO)

Estratto dalle reazioni avverse del vaccino (link sopra):

Molto raro (si possono verificare fino a 1 caso ogni 10.000 dosi di vaccino)
• facilità di formazione di lividi e difficoltà di coagulazione in caso di ferita
• bassa pressione sanguigna
• infiammazione dei vasi sanguigni
improvviso gonfiore del volto attorno alla bocca e nella zona della gola (edema
angioneurotico)
impossibilità di muovere i muscoli (paralisi)
infiammazione dei nervi (neurite) che può causare perdita di sensibilità o intorpidimento,
compresa una temporanea infiammazione dei nervi che provoca dolore, debolezza e paralisi
delle estremità che spesso progredisce al torace e al volto (sindrome di Guillain-Barré), una
malattia dei nervi dell’occhio (neurite ottica) e sclerosi multipla
difficoltà nel muovere braccia e gambe (neuropatia)
infiammazione del cervello (encefalite)
malattia degenerativa del cervello (encefalopatia)
infezione attorno al cervello (meningite)
convulsioni
• perdita di sensibilità a livello della pelle al dolore o al tatto (ipoestesia)
• formazione di rigonfiamenti violacei o rosso-violacei della pelle (lichen planus)
• formazione di macchie rosse o violacee sulla pelle
• irrigidimento e dolore alle articolazioni (artrite)
• debolezza muscolare

NOTA : ricordo inoltre che la legge con l’obbligo di tale vaccinazione è stata fatta dal ministro De Lorenzo condannato per tangenti proprio in merito alla approvazione della vaccinazione anti epatite B (eccolo!! trovato!! il  “motivo scientifico” di tale vaccinazione).

Il vaccino dell’Epatite B è obbligatorio in Italia dal maggio 1991: a prendere questa decisione è stato l’allora Ministro della Sanità Francesco de Lorenzo.

Quest’ultimo, insieme al responsabile del settore farmaceutico del ministero, Duilio Poggiolini, intascò ben 600 milioni di lire dall’azienda Glaxo -SmithKline, unica produttrice del vaccino Engerix B. La somma servì per rendere il vaccino obbligatorio in Italia.

Entrambi i ministri sono stati condannati in via definitiva con sentenza della Cassazione per questo e per altri gravi reati.

Dovranno risarcire lo Stato con oltre 5 milioni di euro ciascuno, per danno di immagine l’ex ministro della Sanità Francesco De Lorenzo e l’ex dg del Servizio farmaceutico Duilio Poggiolini. E’ la sentenza della Corte di Cassazione che, pronunciandosi a sezioni unite civili, ha confermato una decisione dell’aprile 2011, della Corte dei conti sullo scandalo.

http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Quirinale-revocato-Cavalierato-a-Duilio-Poggiolini-85e16326-83dd-4e9c-9268-ed5e20746f86.html?fbclid=IwAR2KFPqzApOVSkctcx9tmo26jW48w8TMubD5H6Gejs_-fmmWlhSLqzhOxks

https://www.ilfattoquotidiano.it/2012/04/12/lorenzo-poggiolini-condannati-cassazione-dovranno-pagare-milioni-testa-allo-stato/204037/?fbclid=IwAR26OcJQry8Uf_x7j1wgofCBFP2XsPXIfryQ1iptWReSCMspyDhCs0KQRRI